Home / Antifascismo / Torino: fascisti in Università, la polizia carica e arresta 3 antifascisti

Torino: fascisti in Università, la polizia carica e arresta 3 antifascisti

Ancora provocazioni fasciste in Università, ancora la polizia che li difende, ancora amministrazioni universitarie che permettono che ciò accada…

È successo questo oggi a Torino: i ratti del FUAN (nota associazione studentesca fascista) sono tornati in Università per un volantinaggio scortati da decine di celerini. Gli stessi celerini che poi si sono scagliati ripetutamente contro chi si era riunit@ per contestare la presenza dei fascistelli, brandendo manganelli e facendo fermi.


È inaccettabile che questo possa succedere nelle nostre università, luoghi che dovrebbero essere di sapere libero, di incontro, di condivisione, di confronto e di crescita; non luoghi dove si possono diffondere i più beceri sentimenti di odio verso il diverso, discriminazione e prevaricazione, come gli stessi ideali che promuove il FUAN.
È intollerabile che ancora vengano concessi spazi di agibilità ai fascisti dalle istituzioni universitarie.
È giusto e legittimo che in qualità di student@ che vivono l’università tutti i giorni, ci si autodetermini per rispedirli nelle fogne.
Per questo esprimiamo la massima solidarietà agli/alle antifascist@ torinesi e ci uniamo ai tanti e alle tante che in queste ore pretendono l’immediata liberazione degli studenti arrestati.

Contro i fascisti non un passo indietro!
Libertà per gli/le antifa!

Leggi anche:

Dai gilet gialli all’università: l’anno sotto assedio di Macron

Sin dall’inizio della sua presidenza, Emmanuel Macron ha trovato pane per i suoi denti. I …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi