Home / Cybilla / Cybilla intervista Associazione Selene! #PavimentoPelvico

Cybilla intervista Associazione Selene! #PavimentoPelvico

Pubblichiamo l’intervista fatta ad Associazione Selene (che ringraziamo🌷) riguardo al #pavimentopelvico, la sua conoscenza, il suo uso e come prendercene cura durante questo periodo di #covid19. Avere delle “dritte” su questi argomenti è sempre importante, in questo periodo ancora di più! Facciamone buon uso! 💫

🙎‍♀️Cos’è il pavimento pelvico e perché, secondo voi, se ne parla ancora così poco?
Il pavimento pelvico costituisce il supporto agli organi pelvici ed è un insieme di muscoli, fasci e legamenti. Ha una fondamentale importanza poiché custodisce e protegge le funzioni riproduttive e vitali della donna. È una struttura molto complessa caratterizzata da elasticità e dinamicità. Purtroppo, se ne parla ancora molto poco poiché probabilmente è un argomento ancora piuttosto sconosciuto e perché molti dei problemi che provengono da alcune sue disfunzioni vengono erroneamente considerati normali: questo fa sì che non si cerchi la reale causa del problema portando ad una sottovalutazione che a lungo andare potrebbe provocare danni anche gravi.

🤷‍♀️ Questo periodo di “fermo” dalla vita frenetica ci sta permettendo di “osservarci” un po’ di più e prenderci un po’ più cura di noi (sappiamo bene che non sempre è così, anzi…). Come possiamo “accorgerci” se ci sono disfunzioni nel pavimento pelvico?
Anche se non ne siamo consapevoli, esistono tutta una serie di abitudini quotidiane che pensiamo siano innocue che vanno, invece, a danneggiare il pavimento pelvico. I problemi insorgono soprattutto quando si sottovalutano dei segnali che ci indicano che qualcosa non va poiché vengono da molte persone ritenuti “normali”. Non è normale avere dolore durante i rapporti sessuali; non è normale avere dolori durante le mestruazioni o l’ovulazione; non è normale avere incontinenza urinaria (anche poche gocce) durante gli sforzi o dopo il parto; non è normale avere infezioni vaginali o cistiti ricorrenti. Una volta che si capisce che c’è un problema, un percorso di riabilitazione è sicuramente la scelta più indicata.


🙇‍♀️ È un insieme di muscoli così “invisibile” ma che invece svolge tantissime funzioni e incide molto sulla nostra vita! Ci fate qualche esempio?
Il pavimento pelvico sostiene e supporta tutti gli organi pelvici interni (quali la vescica, quelli dell’apparato genitale e il sistema vaginale e ano-rettale) sia in gravidanza sia al di fuori.Un pavimento pelvico sano garantisce la continenza urinaria e fecale e la qualità della vita sessuale. Quindi, il suo stato di salute incide su gran parte delle funzioni vitali di ognuno di noi e sulla qualità delle nostre vite.


💁‍♀️ Quali accortezze si possono prendere dentro casa e nella nostra quotidianità? (considerando che in questo periodo di Covid19 si sta spesso sedute, sdraiate e si fanno spesso esercizi fisici, magari prendendo spunto da qualche video su internet)?
Molte non lo sanno o non se ne rendono conto, ma le nostre abitudini quotidiane sono tra i primi fattori ad incidere sul benessere del pavimento pelvico. Come ci alziamo dal letto, dalla sedia, come andiamo in bagno, come e quanto stiamo sedute a studiare o davanti al pc, il tipo di sport che facciamo, etc. Proprio per questo, e soprattutto in questo strano periodo che stiamo attraversando, abbiamo 6 consigli utili per il pavimento pelvico in quarantena (e non solo!):
1 – Panchetto per cacca e pipì: non ci stancheremo mai di dirlo! Quando si va in bagno bisognerebbe posizionare un panchetto sotto ai piedi in modo tale che le ginocchia siano più sollevate rispetto al bacino. È una buona abitudine per tutta la famiglia!
2 – Non stare 18 ore sul water: “ho tanto tempo da dedicare a me stesso” non vuol dire “divento un tutt’uno con la tavoletta”! Una volta finiti i bisogni, ci si deve alzare subito, il pavimento pelvico ringrazierà!
3 – Tante ore al computer ma nella posizione corretta: lo schermo dovrebbe stare all’altezza del viso e non più in basso! Inoltre, il pratico panchetto da bagno può diventare anche un panchetto da smart working: posizionarlo sotto ai piedi mentre si è al computer aiuterà il pavimento pelvico a non soffrire.
4 – Alzarsi dalla sedia correttamente e non come “mio nonno”: schiena dritta, attiva i glutei e ti tiri su. Piegare la schiena in avanti, fare leva sulle ginocchia e magari accompagnare il tutto con un bel “OPLÀ” porta la pressione intraddominale a scaricarsi sul pavimento pelvico.
5 – Alzarsi dal letto come mia nonna: al contrario della sedia, per alzarsi dal letto bisognerebbe prima girarsi sul fianco e poi fare leva con le braccia per mettersi seduti sul bordo.
6 – Respirare con la pancia! La respirazione diaframmatica è una meravigliosa chiave per il rilassamento e il benessere psicofisico; prendiamoci qualche minuto al giorno per respirare. Un ultimo consiglio. È vero che non muovere il sedere dalla sedia o dal divano per così tanti giorni non è salutare, ma spaccarsi di workout non fa bene né a voi né al vostro pavimento pelvico! Quindi, per favore, fate attenzione e scegliete l’attività fisica con coscienza.


🙆‍♀️ Ci sono degli esercizi che consigliate per tenere il nostro pavimento pelvico al meglio?
Purtroppo non esistono esercizi “standard” da poter consigliare a tutte le donne per aiutare il loro pavimento pelvico.
Ogni donna ha il suo, con la sua tonicità, la sua elasticità, le sue problematiche o contratture. Consigliare un esercizio piuttosto che un altro non conoscendo l’esatta condizione di quel pavimento pelvico potrebbe andare a creare danni o peggiorare delle situazioni già preesistenti. Per prendersi cura del proprio pavimento pelvico bisogna iniziare dalla base: fare una buona valutazione! Solo una buona valutazione da parte di uno specialista potrà dirvi come sta il vostro e indicarvi il percorso riabilitativo più adatto a voi.
Nel frattempo, come detto prima, possiamo iniziare ad osservare e, se necessario, correggere le nostre abitudini quotidiane che potrebbero incidere negativamente.


[immagine di Suzanne Scott – Coin cunts]

Leggi anche:

La risignificazione dell’università parte da qui, parte da noi!

Ad un anno dall'evento che ha sconvolto le nostre esistenze e che ha messo in luce le contraddizioni latenti dei mondi che viviamo, ci ritroviamo ancora smarritə nella sofferenza cercando, a fatica, di continuare ad immaginare modi di vivere differenti che, nonostante la normalizzazione del dolore impostaci, riescano ad essere possibilità reali e non fantasie utopiche. L'università, uno di questi mondi, accantonata dal dibattito pubblico istituzionale è diventata per centinaia di migliaia di studentə, professorə, ricercatorə, dottorandə un non-luogo ancora più invivibile di quanto già non fosse prima della pandemia. L'ottica utilitarista e pienamente funzionale all'accesso al mondo del lavoro - a patto di eccellere e sgomitare - che l'universo formativo ha, non ha fatto che diventare ancora più palese. Ultima testimonianza di ciò sono le bozze di recovery plan messe in campo dal governo Conte e approvate dall'attuale governo Draghi. Ma l'Università è altro, l'università è tempo, è esistenze, è sete di socialità, di legami, di arricchimento. Ci chiediamo da mesi quali siano le modalità in cui poter risignificare anche con la pratica i luoghi universitari, il sapere, la conoscenza e la passione, continuando a tenere al primo posto la salute collettiva. Le risposte sono state fin da subito l'autogestione, l'autorganizzazione, l'autotutela, che combinandosi con i bisogni e i desideri delle soggettività che attraversano l'università creano spazi di possibilità, di azione, di bellezza. Per questo nasce, già sull'inizio dell'estate 2020, Piazza Studio Autogestita (https://cuabologna.it/2020/06/25/non-ci-accontentiamo-delle-briciole/), un modo di ritrovarsi, di confrontarsi di nuovo e di protestare per le ingiustizie subite fino ad allora, e che purtroppo non sono mai cessate, nonostante i lunghi mesi in cui momenti di agitazione, azione, iniziative in rettorato si sono susseguiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi