Home / Altro / OGNI GOCCIA DIVENTERÀ TEMPESTA! A ORSO

OGNI GOCCIA DIVENTERÀ TEMPESTA! A ORSO

Due anni fa, il diciotto marzo del 2019, Lorenzo Orsetti, detto “Orso”, martire e partigiano, cade in uno scontro a fuoco in Siria, devastata da una guerra che ormai dura da dieci anni, lottando contro l’Isis.
Muore indossando l’uniforma dell’Unità di Protezione Popolare, milizia presente nelle regioni a nord-est della Siria, fondata nel 2004 come ala militare del Comitato Supremo curdo, il cui compito è difendere chiunque voglia devastare, portando guerra e disperazione, nelle zone abitate principalmente da curdi.

Aveva deciso di sposare la causa curda nel 2017, dopo aver conosciuto l’attivista anarchico Paolo Andolina, già stato in Siria, dimostrando che non tutti gli europei avevano intenzione di assistere inermi, senza alcuna presa di posizione, sull’ennesimo massacro in medio-oriente, sacrificando la vita per difendere un modello di realtà diverso, ecologista, femminista, fatto di uguaglianza, giustizia e solidarietà, in opposizione a quello “in cui tutti parlano la stessa lingua, quella degli interessi economici”, secondo le parole di Orso

La salma tornerà in patria qualche mese più tardi, pianto anche dalle autorità, le stesse che ritengono la compagna Eddi Marcucci che ha combattuto in Siria in difesa del modello a cui Orso ha dato la vita, una terribile criminale.

Compagno Orso, cercheremo di essere quella singola goccia da cui parte ogni tempesta, in difesa e in solidarietà ad ogni popolo in lotta.

Şehid namirin
I martiri non muoiono mai

Disegno di (Z)ZeroCalcare

Leggi anche:

INCHIESTA DALLA PIAZZA STUDIO AUTOGESTITA: PERCHE’ OCCUPIAMO

Con l’esperienza della Piazza Studio Autogestita abbiamo in tantə parlato di cosa sia l’Università e di come metterla a critica e soprattutto di cosa poter fare, organizzandoci, per scardinare le logiche vigenti, per rendere l’Università qualcosa dove poter discutere, dibattere, condividere e creare saperi nuovi senza alcun giudizio o imposizione, senza nessun ricatto economico basato sul tempo e le continue ansie che ne derivano, qualcosa che possa essere davvero accessibile a tuttə, sia a livello fisico che cybernetico e che sia una scelta e non un obbligo morale per formarsi al lavoro. Per porre il nostro primo attacco in questo campo di battaglia abbiamo quindi deciso di iniziare riprendendoci dello spazio, per riappropriarci oltre di questo anche del nostro tempo e poter vivere entrambi secondo le nostre necessità e i nostri desideri. Perciò la Piazza Studio Autogestita ha trovato una casa ed abbiamo occupato un plesso con dei giardini di proprietà di Unibo, dove poterci trovare, autogestire, confrontare e studiare assieme, nell’autotutela collettiva, al grido di “Quello che non ci date noi ce lo riprendiamo!” Così dalla Piazza Studio Autogestita e poi Occupata è nato SPLIT-Spazio Per Liberare Il Tempo, un luogo che non vuole chiudersi in se stesso, ma aprirsi alla comunità studentesca ed essere fucina di idee ed iniziative, per espandere orizzonti e mobilitazioni e riprenderci lo spazio, il tempo e i soldi che ci sono stati sottratti. Time Lapse, la campagna per la liberazione del nostro tempo, di cui l'occupazione è solo una tappa è solo all'inizio, vogliamo tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi