Home / Altro / Ed è subito molestia. Estratti #1

Ed è subito molestia. Estratti #1

Ed è subito molestia! Riportiamo qui alcuni estratti delle testimonianze che ci sono arrivate in questi giorni. Per la testimonianza completa, vai alle storie in evidenza su intagram!

>>https://www.instagram.com/stories/highlights/17972088763457054/<<

Trigger warning

A seguito del lancio della rubrica “ed è subito molestia” abbiamo ricevuto tante testimonianze di persone che hanno voluto condividere le loro storie e le loro esperienze. Si tratta di testimonianze molto diverse ma che sappiamo essere accomunate dalla stessa sofferenza, dallo stesso desiderio di autodeterminazione. Non vogliamo più doverci sentire sbagliatə, in colpa, esageratə, ma riappropriarci della nostra vita, della nostra storia, della nostra esperienza per non chinare più la testa, per fare esplodere fuori di noi tutta la nostra sofferenza e la nostra rabbia. Le tante testimonianze ci confermano che le molestie che ogni giorno subiamo non sono casi isolati. La violenza di genere e dei generi è una realtà, un problema strutturale della società eteropatriarcale in cui viviamo. In questa prima restituzione delle testimonianze ci vogliamo soffermare sulla tematica del potere. Il potere che molti soggetti, socializzati come uomini, ma anche con uno sguardo più ampio istituzioni e luoghi di riproduzione capitalista e patriarcale, sentono di avere la legittimità di affermare nei confronti di donne e soggettività dissidenti. Un potere che ci fa sentire piccolə, invisibili e schiacciatə; un potere che rende i nostri corpi oggetti sessuali di cui servirsi o da deridere; un potere che esiste proprio nella sua percezione di avere la legittimità di affermarsi, ogni volta a nostre spese. Vogliamo riappropriarci dei nostri corpi, vogliamo ribaltare la linea di potere e dominio che ci vede esclusivamente come territorio di conquista.

Non fermiamoci alla condivisione delle nostre esperienze, non restiamo imprigionatə nel ruolo che questa società ci ha assegnato, incontriamoci, organizziamoci, rispediamo molestie e violenza al mittente!

Ci vediamo ogni venerdì alle ore 17 in via Zamboni 38 per discutere e cospirare insieme!

Leggi anche:

QUESTIONE DI PRIORITÀ!

È notizia di qualche settimana fa quella della volontà dell’Unibo di partecipare ad un bando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi