Home / Editoriale

Editoriale

VOGLIAMO ANCHE LE ROSE!

Didattica a distanza tra necessità e desiderio Da un anno a questa parte ci siamo trovatə totalmente immersə nella crisi economico-sanitaria causata dalla pandemia in corso. Come universitariə ci siamo ritrovatə a fare i conti con un nuovo strumento, che inizialmente doveva essere provvisorio ma che ora sta diventando sempre …

Read More »

Si consuma l’ultimo rumore

"Il passato è perso!". Con queste parole, appena un anno fa, analizzavamo il radicale stravolgimento che stava per investire l'esistenza umana. Dall'intimità delle nostre case alla possibilità di relazione col mondo, siamo stat catapultat in un "presente senza tempo" chiamato pandemia, costrett alla creazione di una nuova e precaria routine capace di sopportare repentine metamorfosi. A Bologna, questa eruzione magmatica ha sicuramente sovrastato le reliquie della vecchia normalità che le si ponevano davanti, scorrendo però in canali di fattura ben più antica rispetto allo scorso marzo, inscrivendosi in tendenze già individuabili nella realtà pre-covid. Anzi, si potrebbe dire che in fin dei conti il virus abbia realizzato i sogni più agognati dalle schiere di benpensanti: una zona universitaria letteralmente spoglia e deserta, snaturata, priva di quel suo calore esuberante, moribonda, in cui ormai il marmo vuoto dei portici riecheggia della socialità che un tempo lo attraversava. Non si può certamente negare quanto la crisi economico-sanitaria abbia influito nella nuova conformazione delle nostre vite, ma bisogna essere sinceri e riconoscere i giusti meriti a tutti gli altri attori - da sempre - in campo nella partita per la città, che con gran ingegno hanno saputo sfruttare al meglio l'occasione fornita dalla tragedia pandemica. A colpi di burocrazia, le varie amministrazioni sono riuscite ad ottenere il passaggio semantico su cui da tempo lavoravano, ovvero la traslazione da "zona universitaria" (quindi della comunità studentesca con la sua essenza fortemente meticcia) a "zona dell'università" (quindi dell'istituzione in sé e per sé). Una differenza tanto formale quanto sostanziale, capace di fare inaridire quelle strade un tempo rigogliose di vita, fino a renderle calpestabili esclusivamente se necessario, cioè per prendere un libro in prestito, o per studiare in biblioteca, o per andare seguire una lezione in presenza. Un velo intinto di utilitarismo e cloroformio ricopre via Zamboni, preservandone il torpore.

Read More »

Tenendo il punto, un anno dopo.

E' ormai trascorso un anno da quando, nella culla del poi tanto disprezzato 2020, iniziò a farsi spazio con prepotenza il termine che di lì a poco avrebbe condizionato egemonicamente le nostre vite, almeno fino ad oggi. Una definizione che per molti prima di allora era relegata alla più totale astrattezza semantica, costituendo o il sottoparagrafo di qualche capitolo nel manuale di storia del liceo, o un pericolo avvertito come estraneo e distante dalla narrazione post-coloniale dei media europei, o il possibile impianto scenico per un racconto distopico firmato Philip Dick. Ma la frenetica successione degli eventi di gennaio/febbraio ha reso "pandemia" la parola-chiave per decifrare qualsiasi frammento di questo presente.

Read More »

SPACE WARS – La vendetta del Covid

“Ci risiamo!” si potrebbe affermare, guardando in faccia la drammaticità di questi giorni. Quel sogno di ritrovata vita che l’estate aveva introiettato nei nostri cuori, si scopre essere spazzato via da un novembre ormai in arrivo, che con durezza ci costringe all’urgenza di riaprire gli occhi. In questi mesi di …

Read More »

Università e crisi pandemica

In questo momento in cui la crisi sistemica dettata dallo scatenarsi della pandemia ha sconquassato ogni livello del conoscente e del mondo reale, anche l’università è sottoposta ad una forte ristrutturazione. Le motivazioni, partendo dalle più evidenti e quasi banali, derivano dall’impossibilità di condurre l’attività didattica secondo i noti canoni. …

Read More »

Capitale e conflitto al ritmo della città globale

Come riflettere sui recenti avvenimenti mondiali, sulla situazione di instabilità percepita, sulle numerose sollevazioni che insorgono secondo un andamento che può sembrare puntiforme a primo impatto, provando a tenere insieme contesti diversi ma forse non così lontani e senza cadere in riflessioni millenariste (sia che si tema l'apocalisse sia che si speri nel sol dell’avvenire)? Un punto di vista del Collettivo Universitario Autonomo di Bologna.

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi