Il corpo delle donne tra fotografia, social network e mainstream: sessualizzazione e stereotipi

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Il corpo delle donne tra fotografia, social network e mainstream: sessualizzazione e stereotipi

22 Gennaio @ 6:00 pm - 8:00 pm

Il corpo delle donne tra fotografia, social network e mainstream: sessualizzazione e stereotipi
Webinar a cura del Lab. Cybilla
La fotografia agisce cultura e crea contenuti che rompono la lettura dominante, non è uno sguardo fisso, è mobile e sono molt* i/le fotograf* che stanno sovvertendo il contenuto e il concetto di corpo. Se la fotografia ci ha insegnato qualcosa è proprio questo, è il suo essere di parte, è cultura dirompente che dal basso crea conflitti. La fotografia è anche cultura mainstream la quale, osservata con uno sguardo critico, amplifica ancora di più le contraddizioni della società.
Ciò è stato lampante a seguito della polemica mediatica creatasi attorno alla figura di Letizia Battaglia e del suo lavoro per Lamborghini, nel quale la rappresentazione dei corpi delle adolescenti palermitane ha portato alla rimozione del lavoro stesso a causa della lettura che è stata data dei corpi.
“Audacia”, “scandalo”, sono termini che, nella società patriarcale in cui siamo immers*, non possono essere associati alle protagoniste delle foto, e da qui lo sconcerto per dei corpi accanto a macchine di lusso.
L’immagine dei corpi e della donna è spesso ricostruita e veicolata dai media mainstream. Esempio potrebbe essere l’immagine della donna nell’intento di fare la spesa data da un noto programma Rai: la normalizzazione di uno stereotipo, il vincolare i corpi delle donne alla riproduzione di un ruolo imposto tra tacchi e carrello, producono un contenuto di finta ironia, di luoghi comuni e stigma, mettendo sempre al centro lo sguardo maschile e il suo compiacimento. L’immagine è nuovamente volta a uno sguardo maschile che impone modelli e ruoli.
Ci interroghiamo quindi sulla continua sessualizzazzione del corpo femminile e sulla sua resa sul piano mainstream e pubblico.
Perchè ancora oggi il mondo dei social non riesce a convivere con l’idea che un capezzolo femminile e uno maschile siano uguali? Come possiamo costruire una fotografia che sia mainstream ma allo stesso tempo proponga alternativa, pronta a decostruire le retoriche di genere e normatività?
Ne parliamo assieme a Chiara Pirra e a Chiara Magrone, per costruire insieme nuovi saperi che vadano oltre l’immaginario comune in una prospettiva di lotta e conflitto.
Chiara Pirra (Modena,1987)
Fotografa & Curatrice d’arte
Frequenta il Master in Fotografia presso l’Istituto Europeo di Design a Torino (2014) e master di specializzazione ICON Curatori per l’Immagine contemporanea presso la Fondazione Fotografia Modena (2018).
Dal 2007 si trasferisce a Bologna ed inizia la sua esperienza nell’ambito della fotografia specializzandosi come fotografa documentaria impegnata in progetti che affrontano tematiche sociali e di attualità, con particolare interesse verso la fotografia contemporanea di ricerca.
Ha collaborato alla realizzazione di mostre per fondazioni, festival e fiere nel panorama nazionale tra cui: Fondazione Studio Marangoni, Fondazione Fotografia Modena, Fotografia Europea OFF e SI FEST, esponendo opere di artisti famosi nel panorama italiano e internazionale quali: Luigi Ghirri, Gianni Berengo Gardin, Lee Friedlander, CESURA, Daido Moriyama, Nan Golding, Nobuyoshi Araki, Ai Weiwei e The LIVE WILD Collective.
Chiara Magrone
Partecipante al Premio di Laurea Francesco Lorusso seconda edizione, con la tesi “FEMVERTISING: Costruzione mediatica dell’immagine della femminista”
[…Quando, per la presentazione della collezione primavera/estate 2017, la celebre casa di moda Dior ha portato sulle passerelle parigine una t-shirt che recita “We should all be Feminists”, i quotidiani di tutto il mondo si affrettano a proclamare l’avvento del femminismo. Un evento preannunciato nel corso degli ultimi 10 anni dalla musica pop, dalle serie tv, dal cinema indie, dai libri di self empowerment, dalla linea editoriale delle riviste di moda e dei fashion blog, dalle campagne pubblicitarie e infine sugellato da una t-shirt. Anche l’editore del più autorevole dizionario americano, il Merriam-Webster, afferma che “femminismo‟ è la parola dell’anno. Una tendenza, insomma…] 

Dettagli

Data:
22 Gennaio
Ora:
6:00 pm - 8:00 pm
Categorie Evento:
,
Tag Evento:
, ,
Sito web:
https://www.facebook.com/events/882517762508339/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi