Home / Metropoli e conflitti globali / 20 Giugno: corteo regionale per un nuovo futuro

20 Giugno: corteo regionale per un nuovo futuro

Vogliamo salute, soldi e diritti!

Il tempo della quarantena, come ormai chiaro agli occhi di tutt@, ha scoperchiato le reali condizioni in cui versano le nostre vite e tutte le contraddizioni che hanno messo in ginocchio le popolazioni di tutto il mondo.
Si è usata la retorica del ritorno alla “normalità”, che tuttavia regge ben poco di fronte a ciò che stiamo vivendo, a ciò che abbiamo vissuto fino ad ora. La normalità è stata una condizione creata ad hoc per le dirigenze, per i potenti, per gli sfruttatori; è stata una condizione che ci ha abituat@ al rischio di non arrivare a fine mese, al rischio di morire portando una pizza in bicicletta, al rischio di ammalarsi a causa della presenza di nocività ambientali, al rischio di sacrificarsi sempre e comunque; è stata una condizione che ci ha abituat@ ai tagli alla sanità pubblica e all’istruzione.
Se fino ad ora tutto ciò è stato fatto per il profitto di pochi, a pagarne il prezzo oggi siamo stat@ noi, è stato il pubblico, che si è trovato irrimediabilmente impreparato.

Nonostante questo una ripartenza continua ad essere pensata negli stessi paradigmi, all’interno delle stesse politiche neoliberiste che ci hanno portat* a questo punto.
Le conseguenze e le cause della crisi che si sta cominciando a delineare sono trasversali e comuni a tutt@. Studenti e studentesse, che come gli/le insegnanti si sono trovat@ ad affrontare la tanto conclamata didattica online con nient’altro che le proprie forze e risorse. Gli/l operai/e costrett@ a lavorare mentre intanto tutto il mondo si fermava, le casse integrazioni che continuano a non arrivare. E in un momento come questo ciò che viene concesso sono le briciole, senza guardare alla realtà della molteplicità delle vite sempre più marginalizzate, affamate, che non rispecchiano i canoni del cittadino-tipo.

Quello che vogliamo, oggi più che mai è una ricomposizione di tutte le soggettività oppresse dalle logiche di profitto che si continuano a dare. Quello che vogliamo è riconoscerci l’un l’altr@ e camminare, urlare, respirare insieme verso un futuro che non sia fatto soltanto di sacrifici, soltanto di lavori mal pagati o di tasse esorbitanti da pagare. Ciò a cui auspichiamo è un reddito universale incondizionato che renda tutte le vite degne, che ci permetta di non doverci accontentare delle briciole per sopravvivere!

La necessità di lottare per un futuro diverso è imminente, non più rimandabile. Questo quello che durante la giornata di mobilitazione de 20 giugno vogliamo gridare, pretendere: salute, soldi, diritti!

Leggi anche:

Kurdistan: la Turchia continua a spargere sangue

Il governo turco scaglia l'ennesima offensiva sulle regioni del Kurdistan iracheno. Nella mattina dello scorso 15 giugno, 60 aerei da guerra hanno bombardato 81 località, comprese zone abitate da civili, a Makhmour, Sinjar, Qandil, Zap e Xakurk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi