Home / Altro / PIAZZA SCARAVILLI LIBERATA DALLE TRANSENNE

PIAZZA SCARAVILLI LIBERATA DALLE TRANSENNE

Da ormai un anno insieme a tantə studentə occupiamo le piazze e le strade della zona universitaria con le iniziative di Piazza Studio Autogestita, momenti di formazione collettiva e condivisione di saperi dal basso ed accessibili a tutti e tutte, mentre l’Università ci continua a chiedere soldi, in cambio di nessun tipo di servizio, la stessa Università che, anche in tempi di pandemia, invece che aprire nuovi spazi – a misura dei bisogni dellə studentə – continua a chiuderli. L’Università che da mesi non ascolta le nostre richieste, facendoci vivere nel ricatto delle scadenze e dei crediti formativi.

È per questo che oggi la Lezione in piazza con il prof. Federico Bertoni si terrà in Piazza Scaravilli, liberata dalle transenne, liberata da studenti e studentesse che si riprendono gli spazi che l’Università non vuole darci. Oggi dimostriamo ancora una volta che nel rispetto dell’autotutela collettiva si può studiare all’aperto, seguire lezioni e soprattutto stare insieme e stare bene, senza rischiare la malattia ma anche senza rinunciare alla nostra salute e al nostro benessere anche psicologico. Perché gli spazi chiusi non possono essere riaperti solamente quando c’è del profitto di mezzo, sappiamo quanto università e città siano interconnesse e vedere piazze che sono luoghi dell’università rimanere transennate solamente perché non c’è possibilità di farci dei dehors, non ci sta ben. Vogliamo liberare quegli spazi e quei luoghi che sono stati citati dal rettore solamente per minacciare sospensioni e renderli invece fruibili alla comunità studentesca al di fuori di quelle toppe messe per risolvere i problemi di reddito dei ristoratori.

Oggi rispediamo al mittente tutti i silenzi a fronte delle nostre richieste! Contro le chiusure e i ricatti di Unibo ci riprendiamo il nostro tempo e i nostri spazi!

#piazzastudioautogestita#timelapse

Leggi anche:

PIAZZA STUDIO AUTOGESTITA TROVA UNA NUOVA CASA!

Quello che non ci date, noi ce lo riprendiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi