• Tenendo il punto, un anno dopo.

    E' ormai trascorso un anno da quando, nella culla del poi tanto disprezzato 2020, iniziò a farsi spazio con prepotenza il termine che di lì a poco avrebbe condizionato egemonicamente le nostre vite, almeno fino ad oggi. Una definizione che per molti prima di allora era relegata alla più totale astrattezza semantica, costituendo o il sottoparagrafo di qualche capitolo nel manuale di storia del liceo, o un pericolo avvertito come estraneo e distante dalla narrazione post-coloniale dei media europei, o il possibile impianto scenico per un racconto distopico firmato Philip Dick. Ma la frenetica successione degli eventi di gennaio/febbraio ha reso "pandemia" la parola-chiave per decifrare qualsiasi frammento di questo presente.

    Read More »

Articoli recenti

Voci dalle piazze

Voci dalle piazze, a cura del Laboratorio Crash, è un viaggio tra le piazze calde di questo autunno in Italia, viaggio nel quale veniamo accompagnati da compagni e compagne che le hanno vissute.

Read More »

Terzo Paesaggio ed Ecologia Politica

Il ‘Manifesto del Terzo Paesaggio’ rappresenta un’opera ricca di spunti estremamente interessanti per leggere i “frammenti indecisi del giardino planetario” in chiave politico-ecologica. Questo libro, infatti, è caratterizzato da una forte carica politica e quasi militante nel re-immaginare e riappropriarsi di spazi spesso, se non sempre, abbandonati e dimenticati per …

Read More »

Aborto e libertà individuali

Dalla Polonia all’Italia, la strada da percorrere è ancora lunga Le manifestazioni polacche delle scorse settimane hanno riportato al centro del dibattito pubblico il diritto all’aborto e sono state capaci di leggere la strutturalità di questo attacco, andando a individuare ancora una volta come nemico i governi conservatori tutti e il …

Read More »
  • Sami è stato scarcerato, ma restano ancora dure restrizioni!

    Sami, attivista e uno dei fondatori del collettivo Youth of Sumud, che da anni lotta per l'autodeterminazione del popolo palestinese, è stato scarcerato, nonostante restino forti restrizioni alla sua libertà. L'attivista era stato arrestato negli scorsi giorni con l'accusa di aver organizzato un corteo dopo il ferimento di un ragazzo palestinese da parte di una soldatessa israeliana.

    Read More »
  • Testimonianza di N.: quando ER.GO e Unibo hanno torto… non rispondono!

    Segue la testimonianza di N, studentessa di infermieristica, che è tra le tantissime persone che l’UniBo ha lasciato indietro durante questa pandemia. L’esclusione (arbitraria, incomprensibile, data da errori burocratici) dagli aiuti del “Bando disagiati Covid” è l’ennesimo danno subito, è la goccia che fa traboccare un vaso già pieno. Oramai è più che evidente che questo bando fosse niente di più che un modo dell’Università di “apparire bene”, di lavarsi pubblicamente una coscienza sporca di tante ingiustizie accumulate, in particolare nell’ultimo anno ma anche da ben prima della pandemia. Ciò che ci è stato offerto sono poche briciole, la posa di una delle migliori università del mondo per paventare una magnanimità inesistente: il bando covid non ha offerto nessuna soluzione al problema e la maggior parte degli studenti e delle studentesse sono stat lasciat indietro senza avere concessa nemmeno la dignità di una motivazione.

    Read More »
  • Testimonianza di E., etichettato come “studente disagiato” e poi abbandonato dall’Unibo

  • Testimonianza di M. sul bando covid di Unibo

  • Testimonianza di N.: quando ER.GO e Unibo hanno torto… non rispondono!

    Segue la testimonianza di N, studentessa di infermieristica, che è tra le tantissime persone che l’UniBo ha lasciato indietro durante questa pandemia. L’esclusione (arbitraria, incomprensibile, data da errori burocratici) dagli aiuti del “Bando disagiati Covid” è l’ennesimo danno subito, è la goccia che fa traboccare un vaso già pieno. Oramai è più che evidente che questo bando fosse niente di più che un modo dell’Università di “apparire bene”, di lavarsi pubblicamente una coscienza sporca di tante ingiustizie accumulate, in particolare nell’ultimo anno ma anche da ben prima della pandemia. Ciò che ci è stato offerto sono poche briciole, la posa di una delle migliori università del mondo per paventare una magnanimità inesistente: il bando covid non ha offerto nessuna soluzione al problema e la maggior parte degli studenti e delle studentesse sono stat lasciat indietro senza avere concessa nemmeno la dignità di una motivazione.

    Read More »
  • Testimonianza di E., etichettato come “studente disagiato” e poi abbandonato dall’Unibo

  • Testimonianza di M. sul bando covid di Unibo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi